Città di TERNI
LANGUAGE
Outdoor
outdoor
San Valentino
san valentino
Cascata delle Marmore
cascata delle marmore
La città vecchia
la città vecchia
 
  Itinerari tematici
  La via di Francesco
  Il cammino dei protomartiri
  Trekking
  Il lago di Piediluco
  L’enoturismo
  Volare
  Meeting e congressi
  Movida
  Infopoint
  Guida all'ospitalità 2016
  Itinerari Giubilari
  I Plenaristi
[ Video | Sentieri | Ambiente | Orari e prezzi ]
 Ambiente

La creazione della Cascata risale al 271 a.C., è una formidabile opera d'ingegneria romana che servì a favorire il deflusso delle acque del Velino, responsabili di frequenti e disastrose inondazioni e della trasformazione di vaste estensioni di terra in malsane paludi. In epoche successive e fino al Rinascimento, vennero compiuti ulteriori lavori di perfezionamento fino all’assetto attuale.

Questa grande disponibilità di acqua ha consentito la creazione nella zona di numerosi complessi industriali.

L'area della Cascata è formata da depositi di travertino, roccia per natura friabile e non compatta che, con l’intensa circolazione delle acque, ha permesso il formarsi di cavità, grotte e forme "carsiche".

Le cavità principali, sia per interesse speleologico, sia per bellezza e suggestività degli ambienti, sono racchiuse in tre distinti complessi: il primo, costituito dalla Grotta della Morta e dalla Grotta delle Diaclasi, ha uno sviluppo planimetrico di 287 m. e da una profondità massima di 23 m.; il secondo, costituito dalla Grotta delle Colonne, sviluppatasi in due diaclasi principali, che frane successive hanno diviso in ambienti non comunicabili; infine, con uno sviluppo di oltre 190 m., la Grotta della Condotta, in parte franosa e attraversata da una vecchia condotta.

La vegetazione lungo tutto il corso delle acque è lussureggiante e rigogliosa.

Il territorio della Cascata presenta grandi esemplari di Salici, Ontani e Lecci. Il Pino d'Aleppo è spesso abbarbicato alle emergenze calcaree dei versanti, mentre le colline sono coperte da lecci, querce, aceri e faggi.

Una visita al Giardino Botanico situato all'interno del Parco Regionale Fluviale del Nera (2460 ettari) permette di ammirare le diverse specie vegetali che popolano l'area.

Si registra la presenza di una ricca fauna acquatica. I boschi sono popolati da molte specie di uccelli tra cui si annovera la rondine montana e il codirosso. Tra i rapaci hanno un posto di primo piano il biancone e il gheppio.





www.marmore.it © sito ufficiale del Turismo della Città di Terni